Notizie

Cosmesi naturale in crescita: il self care passa dai trattamenti di bellezza

bio-cosmesi-naturale
Continua a crescere il green beauty, sostenuto dal naturale bisogno di cure e attenzioni

Spesso in questi mesi i prodotti di bellezza sono stati un bene rifugio. Gli acquisti naturali, dai saponi alle creme a base vegetale, sembra abbiano risposto in più occasioni alle preoccupazioni dovute a Covid-19. Il bisogno di natura e il desiderio di self care sono dunque cresciuti costantemente negli ultimi otto mesi, probabilmente per contrastare la durezza del periodo attraversato. La nuova abitudine green, riscontrata in svariati ambiti di consumo, ha interessato indistintamente tutti: giovani e adulti, donne e uomini. 

Un trend che parte ben prima della pandemia, ma che in questi ultimi mesi ha trovato le “condizioni” per coinvolgere sempre più persone. “La natura vince perché il 56% degli italiani, dai 17 ai 79 anni di età, è convinto che questo nuovo virus sia frutto delle azioni umane sbagliate contro l’ambiente. A ciò corrisponde l’incremento della domanda di rimedi naturali perché ritenuti più affini alla salute e, a fronte di un crollo dei contatti fisici, l’incremento della necessità di maggiori cure sostitutive. Il cosiddetto ‘self-cocooning’ che passa anche attraverso l’applicazione dei cosmetici sul corpo”: riporta Enrico Finzi, sociologo, ricercatore e presidente Sòno Human Tuning.

La prima analisi sul tema è stata curata dal Gruppo Cosmetici in erboristeria dell’associazione Cosmetica Italia, e presentata durante il salone del biologico e del naturale SANA, alla fiera di Bologna. “Le vendite dei cosmetici naturali, cioè contenenti almeno il 95% di ingredienti naturali, dalle erbe agli estratti vegetali, dall’avvento del Covid-19 ad oggi sono cresciuti del 10,1% per un valore di 56 milioni di euro – ha spiegato Camilla Silva, senior manager IRI Information Resources. In crescita soprattutto le creme naturali per viso, mani e corpo, saponette e shampoo naturali (molto vendute durante il lockdown dalla Gdo, e dalla fase 2 anche negli altri canali). “La cosmesi naturale adesso appare preferita persino a quella biologica e organica che invece, prima della pandemia, cresceva in modo più evidente”, continua Silva.