Notizie

Euro2020: la partita dei brand è ancora aperta

euro2020-brand-italia.jpeg
Tra post divertenti e campagne creative, si prospetta una ricaduta economica positiva per l’Italia due volte campione d’Europa

 

Come succede ad ogni vittoria del team azzurro, anche stavolta aver guadagnato la Coppa agli Europei spalanca le porte a campagne adv, che enfatizzano la (per ora solo sperata) ricaduta positiva sull’economia italiana. Si stima che vincere gli Europei 2020 potrebbe aggiungere, nel breve termine, 4 miliardi di euro al Pil italiano. Lo sostiene Brand Finance, la principale società di consulenza indipendente per la valutazione dei marchi. Coldiretti aggiunge che il prestigio internazionale causerà addirittura un aumento delle esportazioni Made in Italy, che peraltro hanno già registrato, nel primo quadrimestre del 2021, un +19,8% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (dati Istat).

Ma se i numeri confortano e fanno sperare, sono le campagne adv ironiche quelle su cui, in questo momento, stanno puntando i brand. Certo, lo storytelling aiuta: una finale che gli inglesi sentivano già in tasca, la campagna It’s coming Home che si è ritorta contro chi l’aveva lanciata, tanto per citare le prime cose che vengono in mente. E così, immediatamente dopo i rigori, brand e utenti si sono scatenati sui social, con campagne e post divertenti. Varie le aziende che hanno cavalcato l’onda per esprimere la propria creatività: Amazon e Poste Italiane hanno scherzato sul cambio di indirizzo di consegna della Coppa, mentre Coca Cola ha proposto una bottiglia commemorativa in edizione limitata. A festeggiare l’Italia due volte campione d’Europa non sono mancati gli sponsor come Giorgio Armani, Puma e Adidas, che hanno rilanciato gli scatti più significativi degli Azzurri su Instagram.

Vediamo infine dal punto di vista sportivo chi incasserà i benefici del titolo. Parliamo di FIGC (Federazione Giuoco Calcio), e i suoi sponsor, che hanno aumentato i ricavi del 28%. L’Italia si è inoltre aggiudicata il quarto posto nel ranking Fifa. Un risultato importante se si pensa che quando l’attuale commissario tecnico Mancini ha iniziato la sua avventura in Nazionale, nel maggio 2018, eravamo posizionati al ventesimo posto.