Notizie

Packaging: dalla bottiglia commestibile alle confezioni per ipovedenti

eco-packaging-commestibile-ipovedenti-kellogg-altavia
I consumatori chiedono un imballaggio più responsabile e le aziende rispondono. Ecco gli ultimi esempi virtuosi

 

Il settore del packaging continua ad innovare. Lo fa sotto diversi punti di vista, ma sempre con lo stesso obiettivo: diventare uno strumento inclusivo e sostenibile. Tra i casi più recenti troviamo Kellogg’s, che ha studiato delle confezioni adatte a ciechi e ipovedenti. Il test pilota in UK ha restituito dati molto positivi, tanto che da gennaio 2022 i pack raggiungeranno gli scaffali di tutta Europa. Una tecnologia, NaviLens, molto più agile rispetto a quelle già presenti sul mercato. Essendo realizzata con colori ad alto contrasto, la confezione non dovrà infatti essere messa a fuoco per ricevere le informazioni audio

In vista del banno definitivo della plastica monouso, sono varie le alternative proposte sul mercato. Una delle ultime innovazioni è la bottiglia commestibile di Notpla, la startup inglese finanziata da Sky Ocean Ventures. Il contenitore, a forma di capsula, è rivestito da una membrana commestibile realizzata a partire da un’alga naturale. 

E a proposito di sistemi innovativi: arriva anche il take away che fornisce piatti autoriscaldanti. Gli alimenti sono avvolti in una sacca riscaldante. Quando viene toccato un pulsante si crea una reazione esotermica, che nel giro di dodici minuti riscalda completamente la pietanza. Un metodo, quello del Reddi Hot, inventato in Svizzera e del tutto naturale, tanto che il Vaticano sembrerebbe interessato a utilizzarlo nei convitti. 

Infine, anche il segmento di flaconi per detersivi abbandonerà la plastica per passare al packaging in carta. Le nuove bottiglie per sapone, realizzate con tecnologia Pulpex, debutteranno in Brasile all’inizio del 2022 con il marchio OMO di Unilever. Per realizzare queste confezioni sono previste diverse fasi produttive: si parte dalla pressurizzazione di polpa di legno, per poi passare alla polimerizzazione in forni a microonde. Si conclude con il rivestimento degli interni con materiali idrorepellenti.