Social News

Scansionando il cibo in frigo, Snapchat consiglia quali ricette realizzare

Food-scan-by-snapchat-social-media-altavia.jpeg
Snapchat lancia Food Scan, Youtube oscura i “non mi piace” sotto ai video, SEMRush pubblica uno studio su cosa funziona su TikTok

Snapchat lancia Food Scan per consigliare ricette che partono dalla scansione del cibo

A partire dagli Stati Uniti, Snapchat lancia Food Scan. Si tratta di una nuova funzione con cui scansionare il cibo presente nel proprio frigorifero, per farsi consigliare ricette che comprendano gli ingredienti inquadrati. Lo strumento è abbastanza simile a Google Lens. Per ottenere consigli sulle ricette, sarà sufficiente aprire Snapchat, puntare la fotocamera su un alimento e tenere premuta l’immagine per avviare la scansione. La piattaforma, che funziona in collaborazione con AllRecipes.com, restituirà una serie di risultati una volta elaborati. Ciò che verrà visualizzato è un carosello con suggerimenti di ricette che includono il cibo scansionato. Attualmente la piattaforma, in fase di miglioramento, sembra funzionare meglio con ingredienti non confezionati e perfettamente riconoscibili.  

 

Youtube oscura i “non mi piace” sotto ai video

YouTube ha dichiarato che il conteggio dei “non mi piace” sotto ai video non sarà più visibile. Una mossa che nasce dall’esigenza di creare un ambiente più inclusivo e rispettoso, a detta della società. I navigatori potranno ancora cliccare questo tasto, il che ottimizzerà i contenuti consigliati, ma il numero di “dislike” sarà disponibile solo ai creatori del video, per monitorare il gradimento da parte degli utenti. Il post di YouTube che annuncia i piani per nascondere questi conteggi è stato a sua volta non apprezzato da più di trentamila persone, ottenendo più del quadruplo dei “mi piace”. Dopo la notizia, YouTube ha inoltre respinto le lamentele di chi insinuava che la mossa equivalesse a censura e protezione dei grandi marchi e inserzionisti.

 

L’approfondimento della settimana: cosa funziona su TikTok

Il nuovo studio del team di SEMRush analizza cosa funziona maggiormente su TikTok per restituire ai marketer una panoramica interessante. Ciò che emerge chiaramente è che i contenuti creati in organico, e quindi più spontanei, attirano maggiormente l’attenzione. Nel report vengono evidenziate diverse tendenze, come la percentuale di contenuti virali prodotti da utenti non verificati rispetto ai verificati (i primi sono circa l’83%), i genere di video che circolano più facilmente in piattaforma (sul podio troviamo humor, ballo e animali domestici). E ancora: i generi musicali più utilizzati per scegliere il giusto clip audio. Ai primi posti, in questo caso, troviamo pop, hip-hop e rap.