Notizie

Social update: per i più piccoli c’è Lego Vidiyo

Nasce il social per bambini in stile TikTok, Facebook sfida Clubhouse, Parler torna online

Lego Vidiyo: arriva il social in stile TikTok per i più piccoli

Lego, assieme a Universal Music Group, ha dato vita a un social di video brevi dedicato ai più piccoli. L’app è infatti pensata per i bambini dai sette ai dieci anni, richiede il consenso dei genitori e prevede un controllo anche sui contenuti caricati. La piattaforma si basa sulla realtà aumentata: le minifigure della Lego si muovono a tempo di musica su uno scenario reale (la cameretta, il parco giochi), ma anche le persone possono comparire nel filmato. Una volta salvate, le performance da 60’’ si possono suddividere in clip da 5’’, 15’’ o 20’’ per poi condividerle sull’app con hashtag, testo e icone.

Facebook: via alle proprie stanze audio

Il social con più iscritti al mondo sta sviluppando una audio chat per competere con Clubhouse. Secondo quanto appreso dal New York Times, la nuova app sarebbe nelle prime fasi di sviluppo, e anche il suo nome sarebbe soltanto provvisorio. Ma Facebook non è l’unico a tentare la strada delle stanze virtuali: Twitter, come vi avevamo raccontato recentemente, sta lavorando a Spaces, un servizio in fase di sperimentazione che offre simili funzioni audio. 

Parler: che fine ha fatto?

Il social network di destra, che era stato oscurato da Amazon, Apple e Google dopo l’invasione del Campidoglio, torna online (ma non sui negozi di app) grazie a un piccolo provider di Los Angeles, SkySilk, che inneggia al sostegno alla “libertà di parola”. “Siamo qui per restare” dice l’ad Mark Meckler, ma Apple e Google non sono intenzionate ad intervenire finché Parler non dimostrerà di saper controllare cosa accade al suo interno.