Notizie

Store, Iper Store: c’è chi scommette ancora sui grandi formati

supermercato-ipermercato

In un momento di continue evoluzioni, gli ipermercati hanno nuove potenzialità da esprimere

 

In questi mesi di emergenza sanitaria la GDO ha subito evoluzioni e improvvisi cambi di rotta. Gli ipermercati sono stati frequentati meno del solito, in favore dei negozi di prossimità, del fruttivendolo sotto casa, degli ecommerce per i freschi. Oggi, grazie a chi (ri)crede nelle potenzialità dei grandi formati, la situazione sembra essere ripartita anche per le superfici XL. 

Spazio Conad ne è la prova. Il progetto che parte da Vimodrone punta a rivedere il concetto di ipermercato, grazie alla creazione di nuovi spazi dedicati alla ristorazione gourmet, alle promozioni, agli animali domestici, e alla salute. Si tratta di un test al quale seguiranno, entro la fine dell’anno, altri cinque negozi ristrutturati. 

Anche Coop Lombardia punta al futuro, con la consapevolezza che i grandi formati siano ancora in grado di raccogliere i consumatori dei centri urbani: ultra prossimità da un lato, superstore dall’altro. C’è di più. La nuova Coop in Via Marsala a Monza non solo rilancerà l’area, bensì sarà il primo supermercato con un progetto “autism friendly”. 

Il 3 settembre è approdato a Milano anche Bennet con il suo primo store, rigorosamente iper. I duemila metri quadrati dell’ex Auchan sono quindi stati riconvertiti secondo il modello dell’insegna: prodotti freschi, facilità nei metodi di pagamento, forte integrazione con il digitale.