Notizie

NFT: rivoluzione o status symbol?

bored-ape-club-nft-crypto-art-altavia.jpeg
In molti ne parlano, in pochi ne conoscono veramente il funzionamento, le potenzialità (e le fragilità) 

 

È evidente che gli NFT non siano più solamente un fenomeno di nicchia e che stiano attirando un’attenzione crescente. Gli analisti di settore rilevano come negli ultimi tre mesi siano stati spostati dieci miliardi di dollari per transazioni sugli NTF. Ma facciamo un passo indietro e partiamo dall’inizio. 

La sigla NFT sta per Non-Fungible Token, ossia Token non fungibili: i nuovi certificati di proprietà per le opere digitali che vogliono rivoluzionare il collezionismo e più profondamente il concetto di proprietà di un’opera intellettuale. La crypto art viene venduta su diversi marketplace: attualmente, a dominare il mercato, è Ethereum

Ecco alcuni esempi concreti. La collezione di Dolce&Gabbana, una selezione dei video più virali su TikTok, e la famosa opera d’arte Everydays di Beeple. E ancora: alcuni video clip della NBA, che hanno generato un profitto complessivo di quattrocento milioni di dollari. Un giro d’affari talmente ingente da far interessare al mercato molte altre leghe sportive, come quelle calcistiche. 

E a proposito di calcio: Sorare, la piattaforma per il gioco del fantacalcio che usa la tecnologia blockchain e gli Nft, ha ricevuto un finanziamento da seicentottanta milioni di dollari, guidato da Softbank, arrivando ad una valutazione di oltre quattro miliardi di dollari. L’azienda ha già preso accordi in Europa, coinvolgendo anche dieci squadre italiane, ma l’ambizione è di arrivare oltreoceano. 

Un mercato allettante agli occhi di chi vuole investire, ma che potrebbe nascondere alcune insidie. Il caso Opensea ne è una prova. Un dipendente del marketplace, infatti, avrebbe acquistato alcuni wallet prima che gli stessi comparissero pubblicamente sulla pagina della start up, per aumentarne immediatamente il valore. Un’azione che mira l’affidabilità degli acquisti digitali e che mostra le falle di un sistema ancora troppo poco regolamentato. Staremo a vedere se gli NFT rivoluzioneranno veramente il settore delle opere d’arte o se daranno spazio a speculazioni e autocelebrazioni.