Notizie

Seconda mano, il mercato dell’usato piace anche ai big

ikea

Aumentano le iniziative all’insegna della circolarità: non poche aziende puntano sul second hand

Consumatori e sostenibilità ambientale. Per anni i bisogni dei primi hanno pesato sulla tenuta della seconda. Da qualche tempo, per fortuna, i due termini non sembrano essere in completa antitesi. La spinta principale è stata data dall’affermarsi del movimenti ambientalisti (Fridays for Future in testa), la spallata decisiva è arrivata nei mesi del Lockdown che hanno sancito una attenzione sempre crescente dei consumatori per i prodotti a km zero, biologici e imballati senza plastiche. Lo racconta, recentemente, una ricerca condotta dall’Osservatorio Mensile Findomestic, che registra un’accresciuta sensibilità dei consumatori italiani verso l’acquisto di prodotti sostenibili. Non solo. Complice anche la contrazione dei redditi, aumentano le iniziative all’insegna della circolarità e non poche aziende aprono divisioni legate al second hand. Molto nel DNA di Ikea è la scelta di aprire uno store dedicato esclusivamente ai mobili di seconda mano. Aprirà in Svezia per la fine del 2020 e, se l’esperimento pilota avrà successo, sarà replicato in tutta Europa. Sulla stessa scia anche il portale d’abbigliamento Zalando e Prénatal.

Economia circolare

Prénatal, usato sicuro

Prénatal ha presentato Forever Young, il primo programma di supervalutazione dell’usato che restituisce fino al 50% del valore di acquisto. Grazie al progetto, il primo in Europa di questo genere, il prodotto reso può continuare a vivere in una nuova famiglia, con la garanzia di ricevere un valore certo (il 50% o il 30% a seconda del brand) per chi cede e un prodotto sicuro e garantito per chi ri-acquista, oppure trovare una nuova forma attraverso il riciclo delle singole parti.

Moda e sostenibilità

Zalando, second hand alla moda

Da qualche settimana i consumatori in Germania e Spagna potranno acquistare e vendere oggetti usati da Zalando. E da Ottobre potranno farlo anche i clienti in Belgio, Paesi Bassi, Francia e Polonia. I clienti possono registrare automaticamente gli articoli che hanno acquistato da Zalando per la vendita, ma possono anche caricare gli articoli che hanno acquistato altrove. La nuova offerta si rivolge sia ai clienti che vogliono fare acquisti sia a quelli che vogliono vendere articoli usati in cambio di credito sulla piattaforma.